Erix Logan è nel cast dello spettacolo che celebra, in chiave magica, il centenario di uno tra i più celebri teatri del mondo. Un evento storico, che vedrà sul palco i personaggi che hanno fatto la storia, quali John Calvert, Jack Kodell, Marvyn Roy ed il “nostro” Silvan, alternarsi con le nuove leve dell’illusionismo mondiale.

palladium_magic

 

Un piccolo gruppo di italiani entra nel Teatro londinese del Palladium, ricco di storia, per assistere alla celebrazione del centenario del Teatro stesso organizzato da Paul Stone. Lo show avrà per tema la magia e le sue leggende, che si esibiranno (o saranno presenti) nel Palladium. Per l’occasione il teatro per una sera sospenderà il suo show abituale, che, ironia della sorte, e’ proprio il Mago di Oz!!

Entrando nel teatro ci sono ben 68 maghi da Close up che allietano l’attesa dello show sul palco! Intanto, trovati i posti, ci si guarda intorno e si vedono personaggi davvero importanti: da David Berglas (l’uomo del mistero ), a Wayne Dobson (superstar della Tv britannica), alla leggenda vivente Jack Kodell (The original bird manipulator) che fece, tra le altre cose, da consulente a David Copperfield per poter realizzare il numero “The girl and her bird” nel suo sesto Special Tv .

Si abbassano le luci in teatro, inizia a sentirsi della musica e lo show comincia!!!

Dopo le presentazioni di rito del produttore esecutivo Paul Stone, inizia il primo numero proprio con un Italiano: Erix Logan! Erix e’ in forma e presenta illusioni dal look sicuramente originale! Apre con una Smoke Crystal Chamber con un nuovo look, prosegue con una moderna Mismade Girl con schermi nei vari lati dell’illusione, incanta con la sospensione sulla punta di una gigantesca forbice (Scissor Impaled) e, per finire, esegue il baule della metamorfosi! Un buon mix di grandi illusioni d’apertura! Un bell’inizio!

Entra in scena la russa Yelena Larkina (divenuta a Mosca campionessa di ginnastica ritmica all’età di 14 anni). L’artista, sposata con Kris Kremo, si esibisce in un bellissimo ed esteticamente perfetto numero con diversi Hula-Hoop, fino all’entusiasmante finale che ne comprendeva ben 30! Spettacolare!

Da adesso si alterneranno diversi Comedy Magicians.

Inizia Michael Finney con uno smoking rosso, mostrando due degli effetti che lo hanno reso più famoso: apre con Six Cards Repeat e poi, con un bimbo in piedi su una sedia, esegue la Carta in fronte! L’effetto produce continua ilarità tra il pubblico per la grandezza di Finney nello sviare l’attenzione del miniprotagonista dalla carta attaccata alla propria fronte! Molto divertente!

L’artista seguente è il giovane francese Mikael Szanyel, campione del mondo Fism 2006, che esegue il suo famoso numero del maestro d’orchestra. Performance ben “ritmata” e fantasiosa, molto apprezzata dal pubblico: imprevedibile!

Paul Stone prende il microfono e presenta l’ospite d’onore della serata che dalla platea sale sul palcosenico, sto parlando dell’elegantissimo Silvan che, dopo una breve introduzione, mostra a tutti gli astanti che in questi anni la sua arte e’ rimasta intonsa. Al centro del palcoscenico del Palladium, Silvan dà un assaggio della sua arte manipolatoria! Continua a fare la Storia!!!!

Il prossimo artista Comedy Magic e’ Mac King, strappato dai suoi impegni all’Harrah’s di Las Vegas! Il simpaticissimo personaggio (unico ad essere presente in tutte le puntate del World Greatest Magic ) mostra una piccola parte del suo spettacolo, nominato come sesto migliore show di tutta Las Vegas (non solo di magia)! Inizia con le routine mostrate nello Special Tv “Houdini Unlocking his Secrets”: la carta firmata dentro la scatola di Corn flakes e il numero dei 2 pollici legati con le fettuccine che attraversano vari oggetti solidi (dalle braccia dello spettatore alla sedia). Poi esegue un effetto che rappresenta una delle più comiche versioni di trasposizione di carte: il mantello dell’invisibilità (un impermeabile giallo), che si può apprezzare all’interno di una delle puntate di Masters of Illusion! Chicca finale: la sua famosa “ Testa nel Sacco”. Esilarante!

Il prossimo artista e’ Nathalie Enterline, una grintosa e virtuosa ballerina con cappello e bastone (tra l’altro esegue un fugace bastone danzante), funzionale all’equilibrio dello Show! Energica!

Ora e’ il turno di Marko Karvo e della sua partner Vanessa Herbstleb. Un impatto visivo di mago classico, che mostra diverse finezze mai viste! La sua prestazione e’ stata assolutamente superba! Un vera esperienza magica: la migliore performance di colombe non colorate che abbia mai visto dal vivo! E’ stato un tripudio, terminato con una standing ovation del pubblico del Palladium! Grandioso!

Fine Primo tempo.

Nell’intervallo riconosco altri maghi tra il pubblico come Thom Peterson, Etienne Pradier, Charlie Caper, Ian Rowland e i gemelli Twins.

Inizia il secondo tempo, con la star probabilmente più attesa: il centenario John Calvert! Un uomo sopravvissuto ai tifoni della costa pacifica, ad una guerra, ai pirati della costa cinese, a tre affondamenti di yacht e persino a due incidenti aerei mentre li pilotava, nonché ancora vivo dopo sedici ore in acque infestate da squali e serpenti marini (secondo voi, se il Palladium avesse preso fuoco, chi sarebbe stato l’unico a salvarsi?)! L’eroe esegue un effetto con una bacchetta, due corde e vari foulard! Indipendentemente da quello che faccia o come lo faccia, qui la magia sta nel fatto che lo fa! Leggendario!

Riprendiamo con i comedy magicians: Paul Zenon, artista conosciuto dalla Tv britannica in quanto protagonista di vari Special, dove ha fatto da pioniere della Street Magic come la intendiamo oggi (alla David Blaine). La performance e’ farcita da una serie di battute che sono particolarmente apprezzate dal pubblico, mentre esegue il filo del microfono tagliato e ricomposto (da un’idea di Gaetan Bloom) e una rotazione di un triangolo di legno con all’interno in equilibrio un bicchiere di birra (variante del famoso effetto di Mike Caveney)! Carino!

Il momento della giocoleria viene affidato al veterano Kris Kremo! L’artista ha lavorato praticamente in tutto il mondo: da Las Vegas (dove detiene il record di più lunga

e ininterrotta permanenza in un hotel come giocoliere), a Lido de Paris, fino alla corte di vari Reali d Europa! Nella performance utilizza cappelli, foulard e mattoni di cartone (cigar box), trasmettendo un pathos da vero artista in quel che fa! Coinvolgente!

Ultimo comedy magician e’ Jeff Hobson: un artista straordinario, accattivante fin dalle prime battute! Un personaggio studiato benissimo! Jeff, vincitore del premio Best Comedy Magic, normalmente si esibisce con Kalin e Jinger, vincitori del premio maghi dell’anno nel 1997, nello show Carnival of Wonders al Reno Hilton a Reno, in Nevada. La performance inizia con effetti col fuoco (tra l altro fa anche il mangiafuoco); prosegue con la carta in bocca, per poi terminare con il sacchetto e l’uovo! Durante tutto il suo numero ha una capacità di gestire e divertire il pubblico davvero straordinaria! Immenso!

Per finire, si esibisce il magico Hans Klok! Inizia con una manipolazione di carte, esegue poi l’effetto del latte dalla lampada, e continua con il giornale strappato e ricomposto. Chiude con un Origami Box , Eclipse e Spike Fire Illusion, eseguiti con lo stile e la spettacolarità che da sempre lo caratterizza!

Infine tutti gli artisti salutano il pubblico! E’ stato uno spettacolo bellissimo o, come dicono i ragazzi di oggi…“tanta roba”!!!

Una piccola nota dolente: non era presente John Thompson.

Escludo di poter vedere il prossimo centenario del Palladium, ma ho già un sospetto: chi ci sarà sicuramente potrà applaudire…John Calvert!

Recensione di Beppe Lo Verso